Etica e buone maniere in falesia e montagna

Buone Maniere

Anche in falesia si applicano le norme basilari di buon comportamento che sono usate in montagna.

Per quanto le comunità di falesisti, alpinisti, escursionisti ed amanti della montagna in genere siano soliti conoscere e rispettare queste norme non scritte, non è una cattiva idea ricordarne alcune.


i rifiuti a casa
http://www.flickr.com/photos/stain/128838032/

NIENTE TRACCE

Ciò che si porta in falesia o in montagna lo si porta via, e se per caso si fosse stati preceduti da persone meno civili (imbecilli non si può dire) non sarà la fine del mondo portare via anche ciò che hanno lasciato.
Vale anche per i mozziconi delle sigarette: un mozzicone a terra non è poi così grave, ma in una falesia mediamente frequentata può diventare un problema evidente.


RISPETTO DELLE NORME LOCALI

Ciò che è vietato non si fa. Ciò che la tradizione locale sconsiglia non si fa.
Non si arrampica dove è vietato, non si esce dal sentiero dove è indicato di seguirlo. Si accendono fuochi soltanto nelle aree dedicate. Non si aprono vie o piantano chiodi dove non è consentito.


RISPETTO PER GLI ALTRI

Ci si comporta con gli altri come si vorrebbe che gli altri si comportassero con noi, si salutano le persone che si incontrano, se possibile e se richiesto fornire indicazioni utili ed essere pronti alla collaborazione e alla cooperazione. Nel caso sia necessario fornire aiuto o assistenza, abbandonare i propri programmi per farlo. La montagna non è frequentata solamente da esperti alpinisti, ma da persone di ogni genere e di ogni livello di preparazione.


ATTENZIONI IN PIÙ

Non costa nulla fare i propri bisogni ad una certa distanza da pareti e sentieri piuttosto che nelle loro immediate vicinanze, come non costa nulla scavare una piccola buca e poi ricoprirla, per evitare di ritrovarsi su sentieri o in boschi punteggiati di fazzoletti e cartacce.


SCELTE

Naturalmete nessuno è obbligato alle buone maniere ma, nel disattenderle, è necessario accettarne le conseguenze.

Regole e buone maniere in falesia e in montagna
Woolrich Italia
Etica e buone maniere in falesia e montagna

Buone Maniere

Anche in falesia si applicano le norme basilari di buon comportamento che sono usate in montagna.

Per quanto le comunità di falesisti, alpinisti, escursionisti ed amanti della montagna in genere siano soliti conoscere e rispettare queste norme non scritte, non è una cattiva idea ricordarne alcune.


i rifiuti a casa
http://www.flickr.com/photos/stain/128838032/

NIENTE TRACCE

Ciò che si porta in falesia o in montagna lo si porta via, e se per caso si fosse stati preceduti da persone meno civili (imbecilli non si può dire) non sarà la fine del mondo portare via anche ciò che hanno lasciato.
Vale anche per i mozziconi delle sigarette: un mozzicone a terra non è poi così grave, ma in una falesia mediamente frequentata può diventare un problema evidente.


RISPETTO DELLE NORME LOCALI

Ciò che è vietato non si fa. Ciò che la tradizione locale sconsiglia non si fa.
Non si arrampica dove è vietato, non si esce dal sentiero dove è indicato di seguirlo. Si accendono fuochi soltanto nelle aree dedicate. Non si aprono vie o piantano chiodi dove non è consentito.


RISPETTO PER GLI ALTRI

Ci si comporta con gli altri come si vorrebbe che gli altri si comportassero con noi, si salutano le persone che si incontrano, se possibile e se richiesto fornire indicazioni utili ed essere pronti alla collaborazione e alla cooperazione. Nel caso sia necessario fornire aiuto o assistenza, abbandonare i propri programmi per farlo. La montagna non è frequentata solamente da esperti alpinisti, ma da persone di ogni genere e di ogni livello di preparazione.


ATTENZIONI IN PIÙ

Non costa nulla fare i propri bisogni ad una certa distanza da pareti e sentieri piuttosto che nelle loro immediate vicinanze, come non costa nulla scavare una piccola buca e poi ricoprirla, per evitare di ritrovarsi su sentieri o in boschi punteggiati di fazzoletti e cartacce.


SCELTE

Naturalmete nessuno è obbligato alle buone maniere ma, nel disattenderle, è necessario accettarne le conseguenze.